“Quante cose belle, buone e sagge mi dicono…” (Lettere inedite di Claudio Di Felice – 7)

La commovente storia del signor Claudio Di Felice la trovate qui.
Questa è la settima di tredici lettere inedite.

Torino
Marzo, Aprile, Maggio, Giugno 97

Cristina mia diletta,

perdonami se turbo il tuo sonno, ma solo tu puoi, solo a te posso chiedere una risposta che il mio cuore spento non sa dare e trovare, anche volendo, perché sono io che nulla voglio dire, sentire; sapere.

Mi dicono che hai cessato di soffrire.
Mi dicono che è stato meglio così.

Mi dicono che ora sei in pace.
Mi dicono che mi sei vicina.
Mi dicono che non vuoi vedermi soffrire.
Mi dicono di non essere triste, perché sei felice.
Mi dicono di stare sereno, perché così avresti voluto in vita, e così desideri in morte.
Mi dicono di distrarmi, e di pensare…ad altro?!!
Mi dicono di non farmi domande, e non cercare risposte.
Mi dicono che la vita continua.
Mi dicono che non è che il naturale…perpetuo alternarsi della vita e della morte…
Mi dicono che si nasce per morire, è la vita…
Mi dicono che ho ancora molto da dare, anche se non vedo e so che cosa, a chi, perché.

Quante cose belle, buone e sagge mi dicono…

Ma, Cristina amore mio, se puoi, se credi, se ti è concesso, ti prego dammi un segno. Qualunque sarà, io crederò.

Ti bacio, Ti abbraccio, scusami ancora.
Tuo Claudio
Giugno 97

(Claudio Di Felice)
(le lettere uno, due, trequattro, cinque e sei)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...