Piccola Recensione de «L’occhio della mucca» senza aver assolutamente letto il libro

la muccaE’ stato definito un rabdomante di storie, ma chi lo ha fatto ha capito poco: primo perché l’Occhio della Mucca non è una raccolta di storie, secondo perché l’autore Marco Giacosa non è un rabdomante.
Leggetelo e capirete il perché, o meglio ne capirete uno tutto vostro, dal momento che i perché dell’autore e dei suoi schizzi astratti sono molteplici: il geomorfologo Marco Giacosa osserva la trasformazione, sotto l’occhio vitreo del bovino, del paesaggio creatosi dalla collisione tra l’unità alloctona della provincia, da lui spinta a forza, e quella autoctona della città, con conseguente formazione di pieghe, faglie e rotture crostali all’interno e attorno alle quali scivola e a volte s’insinua il fiume della quotidianità; leggere e rileggere il libro è come fissare un torrente di montagna che scorre, le cui istantanee scattate nello stesso punto e nello stesso momento non saranno mai e poi mai uguali a se stesse. Un’esperienza da ruminare più che da degustare, possibilmente con una colonna sonora in fondo più che in sottofondo: noi proponiamo “Il vile” dei Marlene Kuntz.
Pippo Cervella

L’occhio della mucca – sette storie, Marcovalerio Edizioni, 2014.
Si trova QUIQUI e QUI.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...